PARCO DI SAN BARTOLO IN MOUNTAIN BIKE

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Nel giro delle Marche in Mountain Bike non puoi perderti questo percorso nel Parco del San Bartolo, tra verde, mare e borghi antichi.

 

Il Parco naturale regionale del Monte San Bartolo, istituito nel 1194, è una delle quattro riserve naturali delle Marche e copre il territorio di circa 1600 ettari a ridosso della costa adriatica nella provincia di Pesaro Urbino, con a nord Gabicce Mare e a sud il comune di Pesaro. Un parco meraviglio e rigoglioso, situato su un piccolo promontorio affacciato sul mare ricco di ripide falesie e grotte, un territorio che conserva intatti l sua naturale bellezza e il suo fascino paesaggistico, un luogo dove vivere a contatto con la natura non solo è possibile ma è facile e accessibile. Per coloro che amano la natura sono tante le scelte possibili grazie ai tanti sentieri segnati e ai percorsi sicuri e organizzati, che sia a piedi o in bicicletta, qui è possibile fare sport all’aria aperta con uno scenario mozzafiato a fare da sfondo.monte-s_bartolo

Vista del Mare Adriatico dal Parco di San Bartolo

 

Uno dei percorsi più affascinanti da percorrere in mountain bike è quello che in circa 10 km, unisce Gabicce mare a Gabicce Monte per poi arrivare a Fiorenzuola di Focara passando per Castel di mezzo. Dal comune più settentrionale della costa adriatica marchigiana scendendo verso Pesaro, un percorso non solo per gli appassionati o i più atletici che amano percorrere questo itinerario da sempre, ma per tutti coloro che amano pedalare, in un luogo più che meraviglioso. Sulla splendida baia degli Angeli, Gabicce Mare è uno splendido luogo turistico che vive il suo momento migliore nel periodo estivo ma che sa offrire diversi spunti interessanti tutto l’anno; alle pendici settentrionali del san Bartolo e del Parco, è storicamente legato a Gabicce Monte, un piccolo borgo nato su un promontorio dove si stabilì il primo aggregato urbano, sicuramente già in epoca romana. Quest’ultimo, con la sua fortezza, i cui resti purtroppo sono quasi interamente perduti, è strettamente legato agli altri castelli delle terre di Focara. Oggi, dell’antica fortezza, purtroppo resta solo la Chiesa di Sant’Ermete anche se fino all’ultima guerra erano ancora ben visibili oltre i resti delle mura, la porta con un campanile e un nucleo di case costituite intorno a strette e tortuose viuzze.

Come non fare tappa nell’antico borgo di Casteldimezzo. Posizionato tra il castello di Gabicce e quello di Fiorenzuola, è un delizioso balcone naturale dal quale si scorgono il castello di Gradara e le penne di San Marino e il Gibbo del Catria. Dell’antico castrum medii si conserva la cinta muraria mentre, mentre di particolare interesse è la chiesa di sant’apollinare e Cristoforo. Inoltre, prima di riprendere la pedalata, il biker potrà affacciarsi dal “tetto del mondo”, un terrazzo di 10 metri a precipizio sul mare con un panorama mozzafiato.

Meta del percorso è Fiorenzuola di Focara, un suggestivo borgo che sorge su uno sperone roccioso a strapiombo sul mare. Dell’antico castello edificato tra il X e il XIII sec. rimangono alcuni resti delle mura medievali con tre dei cinque bastioni della cinta muraria pentagonale. In un ambientazione ricca di suggestioni antiche, sarà impossibile per l’appassionato di mountain bike non lasciarsi meravigliare dalla storia e dalle falesie, dalla ruvidezza delle fortezze e dalla dolcezza dei sentieri, dall’implacabile passare del tempo all’immobilità, solo apparente, della natura.