Numana e la Sciabiga

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Che cos’è la Sciabiga di Numana

Numana, splendida località balneare della Riviera del Conero, ogni anno è la meta preferita di tanti vacanzieri provenienti da ogni parte.

Nell’antichità, il maggior sostentamento per la città di Numana proveniva dalla pesca, in particolare si praticava la Sciabiga, un’antica tecnica di pesca. La Sciabiga letteralmente significa pesca della tratta, ne abbiamo testimonianze sia in alcune pitture tombali egizie e sia in alcune ceramiche fenice, cartaginesi e greche.

La Sciabiga era un metodo di pesca costiera e  poteva essere praticata anche da persone non pratiche della pesca. In particolare, veniva utilizzata una rete lunga da poche decine ad alcune centinaia di metri, ed alta circa un metro. Essa doveva strisciare nel fondo, non a caso erano applicati dei piombi da un lato e dall’altro dei sugheri che servivano per tenerla a galla. Un capo della rete restava fissato sulla battigia, mentre l’altro, con l’aiuto di una piccola imbarcazione, veniva portato in acqua descrivendo un ampio semicerchio sino poi a ritornare a terra.  Si riusciva a pescare svariate qualità: piccole sogliole, seppioline, cefali, canocchie e soprattutto pesce azzurro come alici, agore e sarde.
sciabiga

Oggi la Sciabiga, viene rievocata in estate, grazie alla splendida organizzazione della ProLoco di Numana. Infatti, l’evento si svolge ogni anno sulla riva del mare all’ora di tramonto ed è accompagnato con stand per la degustazione del tradizionale sardone a scottadito e da un eccellente verdicchio.

Non perdere questo evento della Sciabiga! Per la tua prossima vacanza al mare vieni nelle Marche a Numana!

Visita la pagina dedicata a Numana sul nostro portale di TurismoMarche.com.