Marche, dove passeggiare con le ciaspole

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Ecco i posti ideali nelle Marche dove poter ciaspolare sulla neve.

Le ciaspole, o ciaspe, – il termine deriva dalla Val di Non, in provincia di Trento, dove la ciaspolata è, dal 1972, una delle più grandi gare organizzate ogni anno nel giorno dell’Epifania – non sono altro che delle speciali racchette che consentono di spostarsi sulla neve fresca, tipicamente usate per praticare l’attività di escursionismo su terreno innevato. Le ciaspole, che originariamente erano di legno, oggi si indossano direttamente sulle scarpe e aumentando la superficie di appoggio del piede permettono di galleggiare sulla soffice neve fresca senza sprofondare e senza scivolare. Vengono utilizzate da tutti coloro che amano la montagna e le passeggiate sulla neve, insieme ai bastoncini simili a quelli usati con gli sci, per facilitare la camminata.

ciaspole-sibilliniMonti Sibillini

Nelle Marche sono diversi i territori adatti alle ciaspolate, in generale nelle località sciistiche si possono praticare anche altri sport sulla neve come lo sci di fondo o l’escursionismo. La zona che sicuramente si presta di più alle ciaspolate è quella dei Monti Sibillini dove vengono organizzate in diverse zone, seguendo itinerari precisi ed organizzati, in sicurezza e con guide esperte. Camminare nei boschi, nel silenzio della natura coperta dalla soffice e bianchissima neve è un’esperienza unica ed emozionante. Grazie alle racchette da neve gli escursionisti possono seguire le tracce lasciate dagli animali selvatici, attraversare suggestivi sentieri nel cuore della montagna e scoprire territori dal fascino quasi irreale.

Tanti sono i percorsi organizzati, anche in notturna per godere a pieno della passeggiata con il calar della sera e con le suggestioni del tramonto che illumina di colori magici la montagna. Accattivante, nel territorio del Parco nazionale dei Monti Sibillini la ciaspolata nel Pian Piccolo, meno conosciuto del Pian Grande di Castelluccio di Norcia, vanta pascoli e faggeti affascinanti mentre l’antica dogana tra Stato Pontificio e Regno delle Due Sicilie potrebbe fare da spunto per interessanti riflessioni culturali. Un percorso di circa 11 km che parte da Arquata del Tronto, in località Forca di Presta e che vi torna dopo circa 6 ore con un bagaglio emozionale sicuramente unico ed indimenticabile.

Altre interessanti escursioni sulle ciaspole si effettuano nell’entroterra maceratese, in particolare intorno al complesso sciistico di Sarnano – Sassotetto come l’escursione notturna che parte da Pintura di Bolognola o la passeggiata sui prati di Ragnolo, un itinerario che, in circa 4 ore di cammino e una difficoltà media, parte dagli impianti di risalita per poi salire attraverso una tratta del Grande Anello dei Sibillini verso vedute sconfinate che spaziano dalla alte vette dei Sibillini alla costa adriatica. Succede anche che a semplici ciaspolate sulla neve si uniscano altre iniziative come percorsi culturali e visite guidata o eventi enogastronomici, tra questi il week end sulla neve che prende il via dal santuario di Macereto e che offre degustazioni di prodotti tipici locali, ancora più graditi dopo la lunga camminata sulla neve nell’incanto del Parco nazionale dei Monti Sibillini.

Spostandoci verso nord, nel territorio di Ancona, diversi sono i percorsi possibili ed intriganti, tra questi la ciaspolata a Poggio San Romualdo, nel fabrianese. Alle porte del Parco regionale Gola della Rossa e di Frasassi, si parte dai prati innevati di Porcarella, località dove visse San Romualdo monaco fondatore dell’ordine camaldolese e si esplorano i boschi, i sentieri, le mulattiere di questa magnifica zona accompagnati dal silenzio e dal candore della neve.

Spostandosi ancora più a nord il territorio del monte Catria e del Monte Acuto offre, oltre alle consuete attività sciistiche e al Kinderland, il parco giochi a tema dedicato ai bambini, notevoli ed entusiasmanti escursioni sulla neve tra percorsi dall’incantevole suggestione paesaggistica e naturalistica e camminate su antichi sentieri per cogliere la magia della montagna costellata dalla fitta vegetazione imbiancata e perché no fotografare gli scorci mozzafiato che si presentano all’improvviso tra i boschi. Sempre nel pesarese, molto accattivante ed emozionante la ciaspolata sul massiccio del Monte Nerone, in questo caso la suggestione del paesaggio innevato è esponenzialmente aumentata dalla luna e dalla notte stellata. L’escursione infatti si svolge tutta in notturna, una meravigliosa camminata sulla neve di circa 6 km attraverso sentieri e mulattiere del monte Nerone alla ricerca di paesaggi e sensazioni da favola. Un’esperienza unica è quella di camminare sulle ciaspole in una delle cerrete più grandi d’Europa: dal Passo della Cantoniera ad un panorama vastissimo e inusuale tra il bosco di cerri dove il punto più interessante si raggiunge sul pianoro del Sasso Simone, precisamente dove si trovano le vestigia della città fortezza pensata da Cosimo de Medici, Eliopolis.