I luoghi delle Marche al cinema

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Alla scoperta dei luoghi delle Marche al cinema attraverso il film “Come saltano i pesci”

Un film delicato e una trama che indaga sulla ricerca dell’identità, tra amore, fede e famiglia, una storia coinvolgente e piena di sorprese: Come Saltano i pesci è stato interamente girato nelle Marche, seguiremo il viaggio del protagonista scoprendo nella pellicola i luoghi delle Marche al cinema, tra Amandola, Porto San Giorgio, Pedaso e Ancona. Un’affascinate road movie alla ricercadella propria identità il tema trattato dal maceratese Alessandro Valori che, con un cast di tutto rispetto, tra cui – oltre al giovane attore Simone Riccioni, il protagonista che sceglie di saltar fuori dalla rete piuttosto che unirsi al branco -, troviamo il talentuoso figlio d’arte Brenno Placido, e i più famosi Biagio Izzo, in un inedito ruolo drammatico, Giorgio Colangeli e Maria Amelia Monti, affronta argomenti quanto mai attuali in modo scorrevole e senza inutili pietismi.

porto-san-giorgio-multivideo
Scena “Come saltano i pesci” Porto San Giorgio

Nel viaggio del giovane protagonista i luoghi delle Marche, scelti dalla scenografa, anch’essa marchigiana, che ha selezionato le location del film scelte per raccontare e valorizzare le caratteristiche emozionali della storia, tra ilarità, momenti drammatici e riflessivi.

La scena iniziale si svolge nel porto di Ancona, la città dorica si racconta attraverso le immagini. Il mare e il cielo si uniscono a far da sfondo alle bellezze di quest’antica città di mare che ha tantissimo da mostrare, dal maestoso Arco di Traiano all’Arco Clementino fino al Colle Guasco e al meraviglioso Duomo di San Ciriaco che imponente veglia sul porto e sulla città. Una storia così antica e vissuta così intensamente, quella di Ancona, che difficilmente può essere racchiusa in alcune scene cinematografiche ma che hanno dato al film un avvio ricercato, un ampio respiro suggerito dal mare, dalla brezza marina e dalla natura del Parco del Conero, immagini suggestive che hanno mostrato la grandezza passata e presente del porto che tutt’oggi è il più importante dell’Adriatico per numero di imbarchi e uno dei primi per il traffico di merci e per la pesca.

Tutte le scene di famiglia di Matteo, il personaggio interpretato da Simone Riccioni, si svolgono nel delizioso borgo medievale di Amandola. Immerso nel Parco nazionale dei Monti Sibillini, il paese, adagiato su tre colli, fa da sfondo alle vicende familiari degli attori, le cime dei Sibillini, le vallate e il centro storico cesellato con straordinarie architetture medievali seguono e raccontano le emozioni dei personaggi. Ritmi e vicissitudini dal passo vivace, tragico o delicato a tratti ironico, che si aprono su meravigliosi scorci dalla bellezza unica, scenari e atmosfere naturalistiche affascinanti che guardano ai Monti Sibillini rendono la pellicola una straordinaria fotografia dei paesaggi montani marchigiani.

Per scoprire se stesso e la verità il protagonista giunge a Porto San Giorgio, incantevole località di mare in provincia di Fermo. Diverse scene hanno come sfondo i vicoli, le vie più caratteristiche e le tante palazzine in stile liberty che si avvicendano in questa cittadina costiera, perla delle Marche per il suo mare, molto apprezzata e frequentatissima grazie alle sue spiagge dorate dove sono state girate alcune scene. Con diverse angolazioni viene mostrata tutta la bellezza del borgo con le sue piazze che si alternano alle costruzioni nuovissime, mentre alcune scene, altrettanto suggestive, sono state girate al porto e al Duomo di San Giorgio.

A Pedaso, poco distante e ancora in provincia di Fermo, si svolge una scena unica, bellissima ed indimenticabile. Nel piccolo borgo costiero dove il Faro è il centro della vita marinara e l’osservatorio astronomico sul Monte Serrone un potente strumento di osservazione, è facile perdersi tra cielo e mare, i colori scintillanti e le mille sfumature del verde e dell’azzurro rendono la zona incantevole, sublime e donano al film suggestioni magiche e limpide.

 

maxresdefault
Locandina film “Come saltano i Pesci”