DOVE FARE LE TERME NELLE MARCHE

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

UNA VACANZA NELLE MARCHE ALL’ INSEGNA DELLE TERME, ECCO UNA LISTA DEGLI STABILIMENTI TERMALI PIÙ IMPORTANTI.

Il territorio marchigiano viene sempre più spesso scelto come meta di vacanza, è conosciuto e apprezzato per tantissimi suoi aspetti, per la sua natura costituita da paesaggi lussureggianti, per i suoi borghi antichi ancora traboccanti di fascino e tradizione, per le sue città, baluardi di arte e storia. Non tutti però sanno che questa regione è straordinaria per trascorrere una vacanza in relax, magari coccolati e viziati in uno stabilimento termale. Su tutto il territorio marchigiano sono diverse la Spa, i centri benessere, le terme e le beauty farm che offrono moltissimi servizi, da quelli puramente estetici, che intendono rigenerare l’ospite con massaggi, piscine riscaldate, trattamenti benessere combinati, a quelli curativi che utilizzano le proprietà benefiche dell’acqua termale per trattare diversi disturbi.

Diverse sono le terme nella zona di Pesaro Urbino, tra le più interessanti, quelle di Carignano Terme, lungo la valle del torrente Arzilla la cui breve distanza dal mare consente di associare alle cure un soggiorno balneare tra relax e divertimento; quelle di Macerata Feltria, alle falde del monte Carpegna, quelle di Monte Grimano, con le sue acque minerali sorgive di diversa natura da quelle alcaline a quelle sulfuree, con un’offerta davvero varia di cure e trattamenti, dalle cure inalatorie e idropiniche, alla fangoterapia e terapia del dolore; quelle di Petriano, piccolo borgo le cui acque coccolarono, ai tempi dei degli splendori rinascimentali, duchi e notabili del Montefeltro tra cui Raffaello.

 

terme-di-acquasanta

Terme di Acquasanta Terme (AP)

 

Una delle terme più antiche, conosciute addirittura dai romani si trova – non a caso – ad Acquasanta Terme, piccolo comune a una ventina di km da Ascoli Piceno. Le proprietà curative delle sue acque solforose sono rinomate fin dall’antichità, nominate da Tito Livio come benefiche, rappresentano una vera ricchezza per il borgo medievale che oltre al relax dei bagni termali vanta un ambiente davvero salutare, immerso tra boschi e montagne.

Nell’immediato entroterra anconetano, nel Parco regionale del Monte Conero, troviamo Aspio Terme, frazione di Camerano. Qui le sue acque, di origini addirittura miracolose poiché, secondo la leggenda sarebbero state arricchite di straordinarie proprietà per dissetare la Madonna durante la sua trasmigrazione verso Loreto, rappresentano una vera risorsa con un’offerta di servizi davvero ampia per soddisfare le necessità di pazienti affetti da diverse patologie. Interessanti, sebbene poco famose, le terme di San Vittore delle Chiuse, a una decina di Km da Ancona, borgo conosciuto per la meravigliosa chiesa omonima, uno dei più importanti monumenti di epoca romanica delle Marche.

Nel maceratese troviamo le terme di Sarnano, delizioso borgo medievale alle pendici dei Sibillini, centro di fisioterapia e riabilitazione, con cure inalatorie e trattamenti estetici e le terme di Santa Lucia a Tolentino, città natale di Francesco Fidelfo, umanista che descrisse la sua cittadina come “luogo insigne per fonti e fiumi, per i saluberrimi bagni e le sorgenti di acque salate”.