Le Marche e le mostre della Misericordia

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Nell’anno giubilare straordinario inaugurato da Papa Francesco, le Marche si tingono di Misericordia con grandi mostre a tema sacro.

La Misericordia si declina in tanti volti e tante figure, in tante espressioni figurative, mette a confronto codici e ispirazioni. I protagonisti delle quattro grandi mostre di quest’anno sono artisti che nei secoli hanno respirato l’atmosfera marchigiana.

Da Ascoli Piceno a Osimo e da Loreto a Senigallia, l’intera regione è mèta di un pellegrinaggio artistico intrecciato con quello della fede, a formare una rete di pregio sostenuta dalla Regione Marche, dall’assessore regionale alla Cultura e al Turismo Moreno Pieroni e dai sindaci delle città interessate. Tutte le mostre ruotano intorno a temi legati al Cristianesimo. Non è difficile capirne il perché, visto che gran parte dell’arte dal Medioevo al Novecento ha trovato nella rappresentazione sacra il suo tema principe.

Dal 12 Marzo al 30 Giugno ha avuto luogo la mostra dedicata a San Francesco, alla Pinacoteca Civica di  Ascoli, dal titolo “Francesco nell’arte. Da Cimabue a Caravaggio”.  Stefano Papetti e Giovanni Morello hanno curato un excursus per immagini che seguono le orme del santo di cui si commemora anche l’ottavo centenario dell’arrivo nel Piceno. Ancora qualche giorno per visitare, a Palazzo Campana di  Osimo, la mostra “Lotto, Artemisia, Guercino. Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi” (dal 18 Marzo e fino al 30 Ottobre). Si tratta di 120 capolavori selezionati dalle migliaia di opere d’arte collezionate negli anni dal critico che ha dichiarato da tempo la sua predilezione per le Marche.

A cura dello stesso Sgarbi, la mostra “Santa Maria Maddalena. Tra peccato e penitenza da Duccio a Canova”, inaugurata a Luglio a nel Museo-Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto e visitabile fino all’8 Gennaio 2017.

Tra qualche giorno, il 28 Ottobre,  si inaugura l’ultima delle mostre dedicata a “Maria Mater Misericordiae” alla Rocca Roveresca e a Palazzo del Duca di Senigallia, con dipinti che rappresentano l’icona prediletta da tutti i cristiani.Quest’ultima mostra rappresenta certamente uno dei più grandi eventi espositivi organizzati negli ultimi anni nella nostra regione ed un grande motivo di orgoglio e prestigio per la città di Senigallia. Un evento di straordinario valore artistico e culturale per la qualità ed il valore delle opere esposte a cui si aggiunge anche una versione de La Vergine delle Rocce” di Leonardo.

Il territorio marchigiano si conferma dunque vario. L’offerta turistica va dal mare alla bellezza dei borghi e delle colline, alla ricchezza culturale e all’enogastronomia di qualità.