L’Autostrada del cielo fa scalo sul Lago di Caccamo

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

 

Un ambizioso progetto a sostegno dell’avioturismo nelle Marche: inaugurazione Venerdì 4 Agosto al Lago di Caccamo di una nuova idrosuperficie che permette a questa splendida regione di allargare il bacino dei propri visitatori ad un turismo d’Oltralpe.

L’Avioturismo è ormai un fenomeno sempre più in via di espansione, soprattutto nel turismo di alta fascia, per la sua grande capacità di accorciare i tempi di raggiungimento dei tantissimi luoghi, spesso inesplorati a causa delle difficoltà legate ad una rete di viabilità piuttosto carente.

Un problema reale che troppo spesso interessa le Marche, in particolar modo il versante appenninico, il quale conserva tantissimi luoghi incantati immersi nella natura, raggiungibili però difficilmente se non con ore e ore di viaggio in macchina su strade spesso non troppo comode.

Proprio per questa ragione è nato il progetto che vede la creazione di una vera e propria “Autostrada del Cielo” sulla Regione Marche, puntando sull’incremento delle superfici che permettono di effettuare scali aerei anche in zone dove ad oggi ciò è considerato impossibile.

L’iniziativa dell’idro superficie di Caccamo è promossa dai cinque comuni del Conturisport: Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo e Serrapetrona insieme all’Unione Montana dei Monti Azzurri.

Tra le possibili zone di atterraggio di velivoli di vario tipo ci sono le idrosuperfici di cui il versante appenninico è ricco: un traguardo importante dal punto di vista turistico e di valorizzazione di territori fin’ora poco conosciuti e raggiungibili.

Un sistema integrato dalle infinite potenzialità, non ultima quella della geolocalizzazione che consente di pianificare itinerari turistico/culturali, strutture ricettive, eventi, manifestazioni e tipicità della zona facilmente accessibili e consultabili su www.MarcheTravelling.com .

Si è partiti dal Lago di Gerosa nel quale lo scorso 22-23 Luglio 2017 è avvenuto il raduno degli idrovolanti, ed ora tocca al Lago di Caccamo, il quale inaugura la sua idrosuperficie Venerdì 4 Agosto.

L’avioturismo è un fenomeno che la Regione Marche si accinge, quindi, a valorizzare, poiché volano di un notevole incremento delle visite e del turismo di alto livello proveniente dall’Italia e da tutto il mondo, intercettando normali linee aeree provenienti dal nord Europa o da tanti altri paesi.

Oltre a garantire la possibilità di valorizzare luoghi ad oggi poco conosciuti per la loro intrinseca difficoltà di raggiungimento, il progetto permetterà di ottenere grandi incrementi in termini economici e sociali portati proprio dall’avioturismo.