La villa rustica di Monte Torto

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

La villa rustica di Monte Torto

Oggi vi portiamo in visita al nuovo gioiello archeologico appena riaperto ad Osimo: la villa rustica di Monte Torto ed il suo insediamento agricolo del 2.secolo A.C.
monte-torto-2

Siamo nella frazione di Casenuove di Osimo (AN), sul versante meridionale del colle di Monte Torto. A 150 m sul livello del mare, in una terrazza naturale,  si trovano i resti di un’antica villa romana. Gli scavi, iniziati nel 1982 e completati nel 1995 hanno reso possibile vedere la struttura di una villa rustica. Immaginiamola come un grande consorzio agrario con funzioni di produzione e conservazione.  Nonostante i lunghi lavori ad ampio raggio, non sono state trovate tracce che possano far pensare alla presenza di una parte abitata.

Tra le strutture portate alla luce, vediamo gli ambienti dei torchi per il vino e per l’olio. Si tratta del nucleo più antico di questo complesso ed è articolato in una serie di ambienti collegati tra loro disposti ad ovest di un ampio cortile con porticato. Grazie a queste scoperte è possibile ricostruire  le modalità di spremitura nelle varie fasi, e della raccolta e conservazione di olio e vino una volta prodotti. Il lavoro era certamente favorito dalla vicinanza del fiume Musone nonché dell’antica via Flaminia.

L’ambiente in miglior stato di conservazione è una stanza rettangolare con una pavimentazione in opus spicatum. Lungo il perimetro del pavimento è presente un cuscino in cocciopesto, il pulvinus, che aveva la funzione di evitare che insetti o altri animali, che inevitabilmente la raccolta dell’uva portava con sé, penetrassero nelle sconnessure fra il pavimento e le pareti.

Al  IV secolo d.C.,  è possibile far risalire anche una funzione di tipo artigianale. Vengono realizzati nuovi ambienti sul lato orientale del cortile, destinati alla lavorazione della ceramica e del metallo, con la costruzione di fornaci di cottura. A conferma sono state ritrovati numerosi manufatti in ceramica, ma anche scorie di ferro e diversi attrezzie strumenti per la lavorazione del metallo.