LA VIA LAURETANA, LE TAPPE DEL CAMMINO

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Scopri la via Lauretana le tappe del cammino mariano da Assisi a Loreto.

La via lauretana è un antico percorso che fin dal medioevo compivano i pellegrini devoti alla Madonna, la via partiva da Roma ed arrivava al Santuario della Santa Casa di Loreto. Vi parliamo della via lauretana, le tappe di questo cammino di fede molto antico sono davvero affascinanti. In realtà quest’itinerario era conosciuto fin dal XIII sec. poiché collegava la Capitale con il porto adriatico di Ancona ma il periodo in cui venne più frequentato dai pellegrini è tra il XVI e il XVII secolo. Nel tempo la via lauretana vera è propria si è concentrata nel tratto che va da Assisi a Loreto, un tratto di circa 150 Km che si articola in diverse tappe toccando però altri centri del territorio umbro marchigiano.

Via Lauretana da Assisi a Loreto

Le prime due tappe vanno da Assisi a Spello e da quest’ultimo a Colfiorito entrando così nel territorio marchigiano dirigendosi a Serravalle di Chienti un delizioso borgo montano dell’alto maceratese. Il cammino prosegue alla volta di Camerino, giungendo così alla terza tappa del cammino, in questa zona vengono interessanti anche i comuni di Muccia e Visso, piccoli paesi montani dal fascino immutato, tranquilli e immersi nella natura così come, proseguendo, i borghi di Pontelatrave e Pievebovigliana, dove fermarsi ad ammirare chiese, conventi e castelli è da sempre quanto mai piacevole e affascinante.

La quarta tappa del cammino lauretano va da Camerino a Belforte del Chienti attraversando Campolarzo, Valcimarra e Caccamo e interessando anche i territori e le località storiche di Pievefavera e Caldarola; poco distante da quest’ultima i deliziosi borghi storici di Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo e San Ginesio, custodi silenti di tradizioni e tipicità, incastonati nella natura delle colline marchigiane, meravigliosamente intatti che conservano patrimoni storico- artistici unici.

La quinta tappa porta nel cuore del maceratese, in una cittadina incantevole e dalle mille bellezze, Tolentino. Un luogo di culto molto frequentato soprattutto per la basilica di San Nicola di cui ivi sono conservate anche le spoglie, un borgo che da sempre è stato crocevia tra il mar Adriatico e i monti Sibillini che conserva monumenti storici e religiosi davvero unici.

Da qui si riprende il cammino alla volta di Macerata sfiorando da un lato la splendida abbazia di Fiastra, immersa nel verde, un’oasi di pace dove trovare conforto e riflessione tra gli ambienti abitati dai monaci, e il delizioso borgo antico di Pollenza.  Nel capoluogo di provincia i pellegrini si fermavano a lungo non solo per riposare ma anche per visitarne i monumenti più importanti tra cui il duomo di san Giuliano e i luoghi cari al gesuita Padre Matteo Ricci che portò la fede cristiana in Cina.

L’ultima tappa è quella che conduce da Macerata a Loreto attraversando Recanti città natale di Giacomo Leopardi, intrisa di poesia e cultura, autentico borgo elegante e suggestivo, accogliente e molto ospitale. Nelle vicinanze l’incantevole Montecassiano disteso su di un colle offre panorami davvero unici che spaziano dal mare alle cime dei Sibillini.

E infine Loreto, la Santa Casa, la Madonna Nera, e l’intera chiesa, madre accogliente che abbraccia i fedeli che tanto la invocano che conserva opere d’arte di altissimo valore, un luogo straordinario, meravigliosamente mistico che rasserena gli animi, una commistione perfetta di arte e religiosità che affascina e lascia senza parole.