I misteri delle Grotte di Camerano (AN)

I misteri delle Grotte di Camerano (AN)

I misteri delle grotte di Camerano … Di Camerano ce n’è più sotto che sopra. Forse è stato questo motto popolare a portare il gruppo di ricercatori del Giap a Camerano, incuriositi dalla particolarità del suo sottosuolo. In questa deliziosa cittadina, o meglio sotto, si trova una vera e propria città sotterranea, costituita da grotte, cunicoli, passaggi, un vero labirinto scavato nell’arenaria di cui si è tanto discusso, profonde gallerie che per molto tempo hanno incuriosito e incuriosiscono tutt’ora soprattutto per quanto riguarda il loro utilizzo.

Per diverso tempo si è pensato che tali cunicoli servissero fin dall’antichità per conservare alimenti. Questo è senz’altro è vero, ma gli abbellimenti, le decorazioni e le forme di alcune delle stanze dei sotterranei fanno pensare che qui si svolgessero riti religiosi e pagani. Certamente nel corso del tempo vennero utilizzate dagli abitanti di Camerano per nascondersi e difendersi dai diversi assedi, l’ultimo nel ’44, durante la Seconda Guerra Mondiale. Diverse, quindi, le funzioni, ma secondo i ricercatori del GIAP, Gruppo Investigativo Attività Paranormali di Roma, le grotte di Camerano hanno soprattutto ospitato molte vite e assistito a moltissimi accadimenti, di cui però non vi è traccia storica, tutto sembra avvolto da una fitta coltre di mistero.

Ed è per saperne di più che i ricercatori del GIAP  hanno voluto trascorrere un’intera notte tra queste stanze scavate chissà quando e chissà da chi, per scoprire, attraverso un’analisi scientifica e con mezzi altamente tecnologici, tracce di vite passate, presenze che in qualche modo potessero mettersi in contatto e raccontare o spiegare qualcosa della loro vita.

Una ricerca affascinate e a tratti adrenalinica quella dei ricercatori che si sono mossi, al buio, tra le varie grotte parlando e cercando risposte scientifiche a fenomeni paranormali. La domanda ricorrente è stata: c’è qualcuno qui?

GUARDA IL VIDEO SUI MISTERI DELLE GROTTE DI CAMERANO (AN)

I ricercatori si sono fermati inizialmente nel Camerone, una stanza molto grande che durante l’assedio del ’44 venne utilizzata come ospedale da campo per i feriti e di certo alcuni di essi vi morirono. Qui, dopo alcune domande e un’atmosfera davvero misteriosa e agghiacciante, i ricercatori hanno registrato diversi rumori, rantoli, risate lontane.

Nella Grotta Burchiani, così chiamata perché si trova in corrispondenza dell’antico palazzo Burchiani, a forma di croce con una sorta di testa circolare che sicuramente rimanda alle simbologie della donna e della vita. Qui la luce dei ricercatori sembra rivelare qualcosa, si registrano brusii confusi, gli apparecchi sembrano avere un malfunzionamento, la luce che mostrerebbe la presenza di qualcuno lampeggia improvvisamente e non vuole spegnersi.

La ricerca prosegue e quando uno dei ricercatori chiede quanti siete la risposta registrata è “siamo in tanti”. Ora i brusii, i rantoli, i rumori sono più frequenti e più chiari, i tre ricercatori avvertono una profonda voce maschile che sembrerebbe voler parlare loro, ma non capiscono cosa stia dicendo. All’esortazione  puoi ripetere quello che hai detto si distingue perfettamente un “si, va bene”.

Un‘indagine durata una lunga notte, che mette i brividi ma che il Giap ha voluto portare a termine con determinazione e coraggio. Una quantità ingente di materiale video e audio analizzato con la massima attenzione ha dimostrato che qualcuno nei sotterranei di Camerano c’è. Del resto raramente i detti popolari sbagliano.

Be Active Stop Plastic per Deejay Xmasters Senigallia

Una canotta a impatto zero per proteggere il nostro mare. Iniziativa promossa dal progetto Be Active Stop Plastic per Deejay Xmasters Senigallia.

A sostegno di Clean Ocean Project per la salvaguardia di mari e spiagge, Upupa&Colibrì per Deejay Xmasters Senigallia hanno realizzato una collezione di 100 canotte a edizione limitata per un abbigliamento a impatto zero.

Oltre ad essere un prototipo originale ed ecosostenibile, è anche un pezzo unico di streetwear che ha l’obiettivo concreto di raccogliere fondi per la tutela degli ecosistemi marini.

Upupa&Colibrì ha attivato un processo sartoriale e di ricondizionamento creativo, proprio partendo dalle t-shirt rimaste invendute l’anno scorso, le quali sovra-serigrafate e rimodellate in sartoria, hanno preso nuovamente vita.

Su ognuna, oltre a un disegno stampato a edizione limitata, sono state innestate stoffe provenienti da ogni parte del mondo, a partire dagli scampoli delle nostre sartorie marchigiane, fino ad arrivare a stoffe africane, passando per le tessiture tipiche sudamericane.

Ogni t-shirt o canotta rappresenta un messaggio di unicità, rispetto per l’ambiente, originalità e dialogo tra luoghi e culture diverse, che seppur divise da confini geografici si trovano a essere inquilini dello stesso pianeta.

La collezione limited edition sarà acquistabile per un tempo limitatissimo direttamente dalla pagina ufficiale Upupa&Colibrì.

Inoltre Deejay Xmasters Senigallia ha deciso di aderire alla campagna “Plastic Straws Suck” volta a bandire l’utilizzo delle cannucce: infatti durante i giorni del Deejay Xmasters, oltre a una gestione adeguata dei rifiuti generati durante l’evento, non verranno fornite cannucce, in quanto sono un rifiuto molto difficile da gestire se abbandonato in spiaggia e destinato a finire inevitabilmente nel mare.

L’iniziativa è stata ideata da Clean Ocean Project ed è promossa durante il festival da Simbio – Sistemi Innovativi di Mantenimento della BIOdiversità.

Clean Ocean Project è un’organizzazione non governativa con sede a Fuerteventura (Isole Canarie), fondata con l’obiettivo di proteggere gli oceani, le onde e le spiagge, mentre Simbio è un’associazione Onlus che si occupa di conservazione produttiva, promuovendo progetti di ricerca e di sviluppo sostenibile, connessi alla salvaguardia degli ecosistemi.

Simbio sarà presente durante il festival per promuovere la conoscenza delle problematiche legate alla presenza della plastica nei mari e negli oceani.

Sono previsti dei momenti dedicati:

Domenica 16 Luglio – ore 19:00“The Smog Of The Sea” di Ian Cheney

Mercoledi 19 Luglio – ore 21:30“Fishpeople”di Keith Malloy

Sabato 22 Luglio – ore 10:00“Beach Clean Up”

 

I fondi raccolti durante con la vendita delle t-shirt verranno utilizzati per:

La campagna Clean Coffee Project

per sensibilizzare sulla problematica delle cialde usa e getta per il caffè e fare pressione sul Governo Europeo per la creazione di un deposito dedicato a questa particolare tipologia di rifiuto. In particolare verrà allestita una mostra presso un famoso festival d’arte in Germania.

La campagna Plastic Bag Ban on Fuerteventura

per far firmare alle attività commerciali dell’isola delle Canarie un contratto per il non uso di borse di plastica. Sono già state coinvolte 40 attività commerciali, le quali hanno sostituito i sacchetti di plastica con quelli di carta, evitando a oggi l’utilizzo di 4.000 borse di plastica, le quali sono insieme alle cannucce e le bottiglie, i residui di plastica che maggiormente vengono trovate e raccolte negli spot dove Clean Ocean Project organizza i beach clean up. Clean Ocean Project, fornirà inoltre un rapporto dettagliato di come verranno spesi tutti i fondi.

Per info e programma completo del Deejay Xmasters Senigallia 2017 visita il sito https://www.xmasters.it/

 

Festa della Lacrima e Tartufo a Morro d’Alba

Stand gastronomici, artigianato e hobbistica ci aspettano a Morro d’Alba dal 14 al 16 Ottobre per la tradizionale Festa dellla Lacrima e del Tartufo.

Saranno disponibili per tutta la durata della manifestazione, gli  stand gastronomici  “Crescia, amore e fantasia”, “L’allegra padella”,”Fritti e sfizi” “L’isola del Fuoco” “Sogni di gola”, mentre a pranzo e a cena, con servizio a tavola,  si potrà mangiare a “La Cucina del Castello” oppure nella sala “De Gustibus” su prenotazione. Area Dance, spazi ludici per bambini, mostra dell’artigianato e museo”Utensilia” saranno invece allestiti all’interno del castello. Sabato 14 e Domenica 15 musica ed artisti di strada. Da non perdere laTribute Band di Ligabue “Figlio di un cane” sabato sera  alle ore 22.

Placido e Cucinotta a Frasassi

Ci saranno anche Michele Placido e Maria Grazia Cucinotta, sabato prossimo 18 dicembre a Genga, in provincia di Ancona, tra i molti ospiti attesi alla seconda edizione del Premio internazionale Gocce d’argento, organizzato dalla Regione Marche e dagli altri enti locali, per lanciare un nuovo progetto di promozione turistica delle Grotte di Frasassi, progetto ideato da Legambiente insieme al Consorzio Frasassi ( turismo scolastico di qualita’). La serata evento, con uno spettacolo condotto da Stefano Masciarelli con la direzione artistica di Michele Pecora, e che si terra’ nella sala dell’Abisso Ancona – l’incredibile e imponente scenario della piu’ vasta tra le grotte marchigiane, paradiso degli speleologici di tutto il mondo, si esibira’ anche il giovane tenore Jacopo Mengoni. Attesi a Genga numerosi personaggi del mondo politico, industriale e culturale italiano