I borghi del silenzio nelle Marche

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Itinerari nelle Marche da percorrere in bici, a piedi o a cavallo per spegnere i rumori del caos cittadino e ritrovare il silenzio.

Le Marche riservano magiche sorprese a chi vi si addentra: caratteristiche località in cui è possibile riscoprire il piacere del silenzio a piedi, in bici o a cavallo.

Oggi facciamo una sosta all’estremità nord ovest del Parco nazionale dei Monti Sibillini, là dove il Gran Sasso sta per lasciare spazio all’Umbria e la natura offre paesaggi collinari e lacustri di impareggiabile bellezza. Siamo nel Borgo di Roccamaia, a due passi da Pievebovigliana (MC) 

Da qui si originano diversi sentieri naturalistici e tematici, con finalità didattiche o semplicemente per ritrovare il contatto con la natura. A partire dalla località Peschiera, ad esempio, è possibile percorrere sentieri pedonali o equestri di circa 1,5Km. Il sentiero verde, degli alberi e degli arbusti in cui si trovano 30 specie descritte con cartelli; il sentiero arancione“le antiche vie” che segue il tracciato di un antica mulattiera; il sentiero azzurro “la storia della terra”: una esposizione nel bosco di nidi artificiali; il sentiero blu “al torrente Valdelati”.

Particolarmente indicato per essere percorso in bicicletta è il sentiero ad anello di circa 26 Km della Valle del Chienti che tocca lungo il suo itinerario le località di Pievebovigliana, Isola-Colle, San Benedetto, Roccamaia, Lago di Polverina, San Giusto, Villarella per poi rientrare nuovamente a Pievebovigliana. Considerata la distanza ricoperta e il dislivello di 587 metri, vi suggeriamo di dedicarvi almeno mezza giornata.

In frazione Roccamaia, a soli pochi minuti di distanza da Pievebovigliana, è anche possibile visitare la Chiesa di San Flaviano che venne edificata nel XV secolo. Al suo interno vi si conserva un calice in rame dorato e, sulla parete di sinistra, è visibile un frammento di un affresco raffigurante la Madonna della Misericordia ed attribuito a Girolamo di Giovanni. Il paesino si staia su un dislivello che cresce ad ogni casa. La strada ascende con tornanti panoramici su Pievebovigliana e tutta la valle.

Per fruire dei sentieri si consiglia di scegliere gli itinerari a seconda delle difficoltà e del proprio grado di preparazione, munirsi di carta escursionistica, (i sentieri non sono sempre segnalati), indossare abbigliamento idoneo e portare acqua, impermeabile, indumenti di ricambio, occhiali da sole e maglione.

Per maggiori dettagli, relativi ad alcuni degli itinerari proposti, si consiglia di contattare L’associazione guide del parco Tel 0736 848594 oppure visitare la pagina del Comune di Pievebovigliana.