Ascoli, le chiese più importanti da visitare

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Ecco quali chiese visitare nel centro storico di Ascoli Piceno, le più interessanti dal punto di vista artistico

Ascoli Piceno è una tranquilla località a sud delle Marche, essa è anche chiamatala città delle cento torri per la  presenza di numerose torri dislocate all’interno del perimetro cittadino.

La città di Ascoli è ricca di edifici monumentali che principalmente sorgono in corrispondenza delle piazze. Ascoli Piceno è la città del travertino bianco e, di notte, con luci appositamente studiate, assume un effetto a specchio che dà ancora più valore alle sue ricchezze.

Oggi vi parleremo delle chiese più importanti ad Ascoli che ti consigliamo di visitare nella tua prossima vacanza nelle Marche. In particolare: la Chiesa di San Francesco, la Cattedrale di Sant’Emidio, il Battistero di San Giovanni e la Chiesa di San Vittore.

La Chiesa di San Francesco sorge su Piazza del Popolo, al centro della città e risale al 1200, cioè agli anni successivi al passaggio di San Francesco ad Ascoli Piceno. La Chiesa è considerata uno dei migliori esempi di architettura francescana nelle Marche. In pianta la chiesa di San Francesco è a croce latina ed è sorretta da 10 pilastri ottagonali sui quali poggiano archi gotici e volte in stile romanico.

La Cattedrale di Sant’Emidio è dedicata al patrono della città di Ascoli, sorge suPiazza Arringo. La Cattedrale fu eretta sulle rovine di un antico tempio pagano. Ciò che vediamo oggi appartiene ad interventi operati tra VIII e il XVI secolo. Internamente la chiesa si presenta con un impianto a croce latina a tre navate con 6 pilastri ottagonali che sorreggono capitelli rinascimentali e volte.

Sempre in piazza Arringo, sorge il Battistero di San Giovanni, simbolo di architettura romanica ad Ascoli fatto con blocchi in travertino. In pianta il Battistero ha una forma quadrata ed è sormontato da un tiburio ottagonale ed una cupola circolare. Originariamente aveva tre ingressi che simboleggiavano la Trinità, adesso ne ha solo due perché uno fu murato alcuni secoli fa.

Infine, la Chiesa di San Vittore, sorge al centro della città, in posizione un tempo privilegiata perché vicinissima alla via Salaria. Questa chiesa ha origini antichissime secondo le testimonianze storiche, ma l’impianto visitabile oggi risale al XIII sec. In pianta si distribuisce su tre navate e termina con un abside pentagonale molto profonda. Realizzata interamente in blocchi di travertino, pulita nelle forma, è caratterizzata da un campanile posto sulla sinistra e piuttosto basso.

Nella foto le 4 Chiese di Ascoli Piceno: Chiesa di San Francesco (in alto a sinistra), Cattedrale di Sant’Emidio (in alto a destra), il Battistero di San Giovanni (in basso a sinistra) e la Chiesa di San Vittore (in basso a destra).


ascoli2

Vieni ad Ascoli Piceno per la tua prossima vacanza nelle Marche, visita questa splendida città bianca ricca di storia e tradizioni. Organizza il tuo viaggio sul nostro portale www.turismomarche.com.